Ripetitore WiFi: cos’è, come funziona e come si configura

calendario 02 Gennaio 2024
orologioTempo di lettura: 5 minuti
black Anna
ripetitore wifi EOLO sulla scrivania
Indice dei contenuti

Cos'è un Ripetitore WiFi

I ripetitori WiFi sono dispositivi progettati per migliorare la copertura della connessione internet wireless all'interno di casa tua. Essi, infatti, estendono e potenziano il segnale WiFi in tutte le stanze. Se, ad esempio, hai una casa su più piani, l'uso di questi dispositivi permette di avere una rete stabile ovunque, in modo che tu e la tua famiglia possiate tranquillamente navigare, mandare email, giocare in cloud (riducendo il ping), guardare video in streaming senza interruzioni e così via, senza fastidiosi problemi di connessione. 

Per comprendere del tutto il funzionamento di un ripetitore WiFi, è utile definire cosa succede all'interno delle nostre case o uffici quando ci connettiamo a una rete WiFi. Solitamente, il segnale WiFi non è uniforme ovunque: è più forte vicino all’access point (punto di accesso) e perde di intensità man mano che ci si allontana. Per questo è importante capire dove collocare il tuo ripetitore. 

Come funziona un Ripetitore WiFi

Se collocato strategicamente, il ripetitore cattura il segnale WiFi esistente proveniente dal router principale o dal punto di accesso e lo irradia, aumentando così la copertura complessiva. 

Ecco come avviene il processo: 

  1. Cattura del segnale WiFi: il ripetitore rileva il segnale WiFi proveniente dal router principale. 
     
  2. Ritrasmissione del segnale: il ripetitore trasmette il segnale WiFi all'interno della sua area di copertura, estendendo così la portata della connessione. La posizione è fondamentale: se si mette un repeater in una zona con segnale pessimo, il repeater ripropagherà segnale pessimo, motivo per cui ti consiglio di collocarli sempre in una posizione strategica dove almeno la potenza del segnale è superiore al 50%: non preoccuparti, i led dei vari dispositivi aiutano nel comprendere se il segnale è sufficiente.

Dove posizionare il ripetitore WiFi

Come dicevamo, è fondamentale capire come e dove posizionare i ripetitori WiFi per far sì che svolgano il loro lavoro al meglio. Come suggerisce il nome stesso, essi catturano il segnale in un punto e lo ripetono, ampliando così la copertura. È consigliabile quindi posizionarli dove la potenza del segnale WiFi originario non sia inferiore al 50%, per garantire prestazioni ottimali.

La tecnologia Mesh dei modelli più evoluti agevola nel comprendere se sono raggiunti adeguatamente dal segnale. Sono disponibili app (scaricabili da iOS e Android), con le quali è possibile monitorare costantemente lo stato della propria connessione domestica. In questo modo si riesce a posizionare agevolmente i dispositivi all’interno di casa propria. 

Wi-Fi 6 e rete Mesh

Dopo aver genericamente descritto il funzionamento dei ripetitori Wi-Fi, a questo punto è opportuno comprendere quale sia la tecnologia di riferimento sul mercato, il funzionamento e i benefici, in termini di performance di connessione, che questa è in grado di garantire a ognuno all'utente.

Attualmente, lo standard tecnologico maggiormente diffuso sul mercato è il cosiddetto WiFi 6.  

Tale dicitura riassume il nome completo “Wi-Fi iEEE 802.11ax” e qualifica la trasmissione del segnale da parte delle fonti di rete (router).  

Questo consente una maggior stabilità e velocità del segnale, anche superiore del 40%, rispetto allo standard precedente, il Wi-Fi 5.  

Oltre a ciò, ma non meno importante, si ritiene che il Wi-Fi 6 garantisca un maggior risparmio energetico grazie all’ottimizzazione automatica del processo di trasmissione dei dati. 

Riprendendo l’argomento dei ripetitori, il grande vantaggio del Wi-Fi 6 è che questo consente la configurazione di una rete Mesh, con l’aggiunta di alcuni ripetitori. 

Il sistema di rete Mesh è offerto dalla gran parte dei ripetitori di nuova generazione disponibili sul mercato. Questo consente una gestione “intelligente” del traffico Wi-Fi tra i dispositivi. Tecnicamente, il sistema consente a più satelliti (repeater) di collegarsi alla rete della fonte (router), generando così più nodi di rete.  

Semplificando, i dispositivi che emanano il segnale Wi-Fi comunicano autonomamente tra loro, migliorando l’efficienza della connessione. Infatti, i ripetitori saranno in grado di propagare in maniera più potente e stabile il segnale in tutti gli ambienti della casa, evitando perdita o cali di connessione.  

Inoltre, questo sistema consente di muovere liberamente i propri dispositivi (smartphone, pc, tablet ecc.) in tutte le stanze della casa, senza che questi si disconnettano e sia necessario stabilire nuovamente la connessione. Ciò avviene in quanto ogni repeater sarà in grado di comunicare con il router e con altri ripetitori eventualmente installati, diventando essi stessi fonte di propagazione della rete.  

Sistemi tradizionali VS rete Mesh

I ripetitori tradizionali, anche noti come extender, propagano il segnale ricevuto e generano una nuova rete, sulla quale diffonderlo. Il grande limite di questi sistemi è dato dal fatto che non sempre la propagazione del Wi-Fi è ottimale, ma sono frequenti perdite di segnale e disconnessioni. 

La risoluzione a questi problemi è la configurazione di una rete Mesh! 

Ecco alcuni vantaggi delle reti Mesh rispetto a quelle tradizionali:  

  1. Maggiore velocità e stabilità del Wi-Fi. La tecnologia Mesh consente di raggiungere in Wi-Fi la massima velocità dichiarata dal proprio operatore, in base alla copertura. 
  2. Unica rete SSID (nome della rete). In questo modo, si avrà un’unica rete Wi-Fi per tutta la casa, alla quale collegarsi. 
  3. Facilità di installazione (anche per i meno esperti) e maggior flessibilità nel posizionamento di router e repeater all'interno di casa propria.  
  4. Possibilità di monitoraggio del backhaul (aggiungere nota o rimando ad altra pagina), anche mediante APP ormai diffusissime. 

L'installazione di un ripetitore Mesh è abbastanza semplice: è sufficiente collegare l’alimentatore alla presa elettrica e collegarlo in wireless o via cavo al router.  

Entriamo un po’ più nel dettaglio: 

  1. Collegamento via cavo al router principale: disattivando la funzione Wi-Fi del router, e collegando i due dispositivi (router e repeater) mediante un cavo LAN, il ripetitore riceverà la massima banda disponibile e diffonderà il segnale automaticamente. In questo modo non si verificherà alcuna alterazione del segnale dovuto alla distanza del repeater dal router.  
  2. Collegamento wireless: consente l’accesso del ripetitore al segnale del router. In questo modo i due dispositivi si sintonizzeranno e diffonderanno un’unica rete Wi-Fi. 

Questo sistema non richiede particolari configurazioni: tutti i dispositivi connessi al Wi-Fi si collegheranno automaticamente al segnale di uno dei ripetitori installati, senza alcuna interruzione. 

Vantaggi dell'utilizzo di un Ripetitore WiFi

 

  1. Estensione della copertura: il ripetitore consente di estendere la copertura WiFi, raggiungendo zone precedentemente poco coperte. 
     
  2. Miglioramento delle prestazioni: l'uso di un ripetitore può migliorare la velocità e la stabilità della connessione WiFi nelle zone periferiche della rete. 
     
  3. Semplicità d'uso: i ripetitori WiFi sono generalmente facili da installare e richiedono poca configurazione. 
     
  4. Ripetizione della rete: non è necessario ricollegare i propri dispositivi (smartphone, PC, tablet, TV, ecc.).

Differenza tra ripetitore WiFi e amplificatore WiFi

Come abbiamo già spiegato nei paragrafi precedenti, un ripetitore WiFi estende i segnali esistenti per raggiungere le "zone morte" all'interno di casa tua. Migliora, quindi, la copertura della rete WiFi domestica connettendosi al router in modalità wireless per ripetere (o amplificare) il segnale Internet. 

I ripetitori WiFi sono utili per estendere il segnale WiFi, ma non aspettatevi velocità di Internet molto più elevate quando li utilizzate. Ciò è dovuto al fatto che essi semplicemente ripetono il segnale WiFi alla stessa potenza del vostro router e della connessione Internet (se vuoi velocizzare la tua connessione, in questo articolo trovi alcuni trucchi).

È chiaro allora che non si può parlare di un "amplificatore" WiFi. Gli utilizzi possibili di un ripetitore sono due:  

  1. Lo collego in WiFi al segnale principale del router. Quindi il repeater "prende" il segnale originale e lo ripropaga (come spiegato nel paragrafo precedente).  
     
  2. Collego il repeater via cavo al router principale, a questo punto il repeater riceverà la massima banda possibile tramite cavo, quindi, il segnale che trasmetterà sarà eccellente, senza attenuazione causata dalla distanza/ostacoli tra router principale e repeater. 

Tipi di Ripetitori WiFi

WiFi Repeater, WiFi Extender e WiFi Booster

Per quanto si leggano spesso in giro questi termini, si tratta solo di nomenclature coniate dai rivenditori. L’unica differenza reale tra i ripetitori WiFi è quella indicata nel paragrafo precedente: ci sono i  repeater che si possono collegare o via Wifi, o via cavo al router principale.

Ripetitore WiFi Mesh

I modelli più avanzati di ripetitori offrono anche la funzionalità di rete mesh, consentendo una gestione “intelligente” del traffico WiFi tra i dispositivi. Questa tecnologia migliora l'efficienza della connessione, coprendo più aree della casa senza perdita o cali di connessione. 

Il ripetitore tradizionale propaga il segnale WiFi ricevuto e crea una nuova rete su cui diffonderlo. Questo consente di connettersi a una rete diversa, estendendo così il WiFi a zone precedentemente non coperte. Tuttavia, con l'avvento della rete mesh non è più necessario creare una nuova rete. I ripetitori mesh estendono, infatti, la stessa rete senza richiedere la riconnessione quando si passa da un dispositivo all'altro, offrendo un notevole vantaggio ed evitando i problemi di connessione che si potrebbero incontrare con i ripetitori tradizionali. 

L'installazione di un ripetitore mesh è semplice: ti basta collegarlo alla presa e attendere che si connetta al router. Non è necessario configurare nulla, e tutti i dispositivi connessi possono passare da un ripetitore all'altro senza problemi. 

Ripetitore WiFi Fritz

Ripetitore Wi-Fi AVM

Fritz è una marca che produce vari dispositivi per le reti domestiche, tra cui router e ripetitori WiFi. Un ripetitore WiFi Fritz è un dispositivo specifico ideato per estendere la copertura della rete WiFi esistente. Questi ripetitori sono spesso progettati per funzionare in sinergia con i router FritzBox, semplificando la configurazione se si dispone di un router FritzBox.

Miglior ripetitore WiFi: come scegliere quello giusto per te

coppia al pc che sceglie un ripetitore wifi

Quando si cerca di migliorare la copertura della propria rete senza fili, l'aggiunta di un ripetitore WiFi può fare la differenza nel garantire una connessione affidabile in ogni angolo dell'ambiente domestico o lavorativo. Certo è che tipologie e fasce di prezzo fanno la differenza. I modelli economici creano generalmente una nuova rete WiFi, mentre quelli più avanzati possono integrarsi nella rete esistente offrendo prestazioni superiori.

I ripetitori di fascia alta sono compatibili con gli ultimi standard, come il WiFi 6, offrendo velocità superiori. Ad ogni modo, per scegliere al meglio, ti consiglio la guida all’acquisto di un ripetitore WiFi che trovi in questo articolo.  

Come configurare un ripetitore WiFi: ecco come collegarlo in 6 semplici passi

Dopo aver capito a cosa serve un ripetitore WiFi e perché è importante utilizzarlo, vediamo come si configura. 

Il Ripetitore si può connettere in due diverse modalità, WiFi oppure LAN: 

WiFi 

Dopo aver posizionato il ripetitore e averlo collegato alla presa di corrente, solitamente basta tenere premuto un apposito tasto fisico (che può essere collocato, ad esempio, nella parte frontale del repeater) per avviare la modalità di abbinamento. La connessione viene stabilita premendo per qualche secondo su quel pulsante e successivamente sul tasto che di solita riporta la dicitura WPS/WLAN/CONNECT (o comunque l'eventuale apposito tasto adibito, che può essere presente, ad esempio, in un sistema mesh in cui poi viene creata una rete WiFi unica). 

LAN 

La connessione avviene via cavo LAN collegando il ripetitore WiFi al router. Ricorda che la prima configurazione del ripetitore deve avvenire sempre tramite segnale wireless. Una volta effettuata la prima procedura (connessione con router wireless premendo tasto WPS) sarà possibile collegare il dispositivo anche tramite LAN in una delle 4 porte solitamente poste dietro al router. 

PS. Il ripetitore dispone di 2 porte ethernet: una per la connessione al router e una per utilizzare eventuali altri apparati della rete domestica. 

Se desideri collegare più di un ripetitore, ti basta solo replicare la procedura di configurazione. 

Come configurare un ripetitore WiFi Fritz

eolo router e fritz

Anche il FRITZ!Repeater 1200 può operare in due modalità: WiFi o LAN 

Connessione tramite WiFi 

Collega il ripetitore FRITZ! Alla presa di corrente; aspetta che la luce diventi verde e premi il tasto “Conntect”. La luce inizierà a lampeggiare più rapidamente. Attendi 2 minuti e premi il tasto WPS/WLAN/CONNECT che trovi sul lato sinistro del tuo router EOLO.

La connessione sarà stabilità nel momento in cui la luce verde smetterà di lampeggiare.   

Collegamento tramite LAN  

Viene stabilita una connessione via cavo LAN tra il FRITZ!Repeater e il tuo router FRITZ!Box.  

  • Collega il FRITZ!Repeater alla correte
  • Attendi circa 1 minuto fino a quando non si avvia
  • Collegati al sito http://fritz.repeater  
  • Compare l'interfaccia utente del FRITZ!Repeater
  • Assegna una password per l'interfaccia utente e clicca su "OK"
  • Inseriscila e clicca si "Accedi" e poi "Avanti"
  • Abilita la modalità di accesso "Ponte LAN" e clicca su "Avanti".  
  • Segui tutta la procedura guidata. Dopo l'ultimo passaggio di configurazione, scollega il cavo LAN dal computer e collega il FRITZ!Repeater al tuo FRITZ!Box (router). 

(Ti lascio anche questo articolo come guida per configurare il tuo router WiFi)

I ripetitori WiFi di EOLO

Se sei un cliente EOLO e se alla ricerca di una soluzione per estendere la copertura della tua rete WiFi, i ripetitori di EOLO fanno al caso tuo! Richiederli è facilissimo:   

  • Se non sei ancora cliente, scegli una connessione EOLO con l’offerta internet giusta per te e, durante la procedura di acquisto, potrai aggiungere fino a 3 ripetitori WiFi al tuo abbonamento
  • Se sei già cliente EOLO, potrai aggiungere fino a 3 ripetitori WiFi tramite la funzione “Modifica il tuo servizio” dell'Area Cliente.  

Nella pagina dedicata, trovi le guide alla configurazione dei ripetitori WiFi di EOLO, l’ADB epiCentro e l’AVM FRITZ!Repeater 1200.  

EOLO porta Internet veloce a casa tua, scopri le offerte  

 

FAQ

    Come dice il nome stesso, essi catturano il segnale in un punto e lo ripetono, ampliando così la copertura.

    È consigliabile posizionarlo dove la potenza del segnale WiFi originario non sia inferiore al 50%, per garantire prestazioni ottimali.

    I modelli economici creano generalmente una nuova rete WiFi, mentre quelli più avanzati possono integrarsi nella rete esistente offrendo prestazioni superiori. I ripetitori di fascia alta sono compatibili con gli ultimi standard, come il WiFi 6, offrendo velocità superiori.

Naviga senza interruzioni con EOLO Verifica copertura
guide tech guide tech
ragazzo che scopre come connettersi al wifi di EOLO
Scopri di più
guide tech guide tech
internet satellitare
Scopri di più
guide tech guide tech
copertura internet area geografica
Scopri di più
Serve aiuto? Serve aiuto?

Serve aiuto?

Serve aiuto?