Tempi di latenza: cosa sono e come abbassarli

calendario 18 Dicembre 2023
orologioTempo di lettura: 4 minuti
black Anna
tempi di latenza
Indice dei contenuti

Che cosa sono i tempi di latenza internet

I tempi di latenza sono un aspetto fondamentale da considerare per molte applicazioni informatiche, in particolare per quelle che richiedono una bassa latenza, come il cloud gaming, la realtà virtuale e aumentata, la telemedicina e molti altri.

Latenza: significato

Ma cosa si intende per latenza? In informatica, la latenza è il tempo che intercorre tra l'invio di un'informazione e la ricezione della risposta. In altre parole, è il tempo che impiega un sistema informatico a elaborare una richiesta e a restituire un risultato.  

A cosa serve la latenza e come si verifica

I tempi di latenza sono misure che indicano il ritardo o il tempo di risposta tra l'inizio di un'azione e la sua effettiva esecuzione. Questo è rilevante in vari contesti, come ad esempio nelle reti informatiche, nei sistemi di archiviazione, nei dispositivi hardware, nei database e nei processi software. Di seguito, vediamo come i tempi di latenza sono importanti in diversi ambiti e come vengono verificati:

  1. Reti informatiche:
    Round-Trip Time (RTT): è il tempo necessario per inviare un pacchetto da un punto A a un punto B e ricevere la conferma di ricezione. Misura la latenza di rete.
     
  2. Sistemi di archiviazione:
    Latenza di accesso: indica il tempo trascorso tra la richiesta di accesso a un dato e il momento in cui il dato è disponibile. Nei dischi rigidi, ad esempio, può includere il tempo di ricerca e il tempo di latenza del disco.
     
  3. Dispositivi hardware:
    Latenza di input/output (I/O): rappresenta il ritardo tra l'inizio di un'operazione di input o output e il completamento di tale operazione.
     
  4. Database:
    Latenza di query: il tempo che intercorre tra l'invio di una query a un database e il ricevimento dei risultati.
     
  5. Processi software:
    Latenza di sistema: indica il ritardo tra l'inizio di un'azione software e la sua conclusione. Può essere influenzata da vari fattori come la potenza di calcolo, la disponibilità di risorse e l'efficienza del codice.

Per verificare, in modo semplice, i tempi di latenza della tua rete, oltre a conoscere la velocità di upload e download della connessione, puoi eseguire una verifica con lo strumento di Speed Test messo a disposizione da EOLO

Effetti negativi di tempi di latenza elevati: in quali casi serve una bassa latenza?

Un tempo di latenza elevato può causare una serie di effetti negativi, compromettendo l'esperienza utente e l'efficienza del sistema. Ad esempio

  • In un'applicazione di gioco online, un tempo di latenza elevato può causare ritardi nella visualizzazione dei contenuti e nella risposta ai comandi, rendendo il gioco meno reattivo e coinvolgente. Ciò può influire negativamente sull'esperienza dell'utente e, in alcuni casi, portare all'abbandono del gioco. 
     
  • Gestione dati e informazioni in tempo reale
    Le applicazioni aziendali spesso uniscono e ottimizzano i dati provenienti da fonti diverse, come altri software, database transazionali, cloud e sensori. Inoltre, utilizzano la tecnologia di acquisizione dei dati di modifica (CDC) per acquisire ed elaborare le modifiche dei dati in tempo reale. I problemi di latenza di rete possono facilmente interferire con le prestazioni di queste applicazioni.

Per questo motivo, è importante comprendere l'importanza dei tempi di latenza e utilizzare soluzioni appropriate per ridurli e migliorare le prestazioni del sistema. Dall'ottimizzazione software all'utilizzo di tecnologie come caching e Content Delivery Network (CDN), esistono molte soluzioni per ridurre i tempi di latenza e garantire un'esperienza utente ottimale. 

Soluzioni per ridurre i tempi di latenza

tasto nuvola cloud

Una prima soluzione potrebbe essere quella di migliorare la potenza di elaborazione del sistema, ad esempio attraverso l'aggiornamento dell'hardware. Tuttavia, questa soluzione può essere costosa e non sempre possibile.  
Una seconda soluzione consiste nell'ottimizzare il software, ad esempio riducendo il numero di richieste al sistema o minimizzando la quantità di dati trasmessi. 

Miglioramento hardware vs ottimizzazione software

Inoltre, è possibile utilizzare tecnologie come la caching a livello di applicazione, che consente di memorizzare temporaneamente i dati più frequentemente utilizzati, riducendo così il tempo di accesso al database.  

Un'altra tecnologia utile è il Content Delivery Network (CDN), che consiste in una rete di server distribuiti geograficamente che forniscono contenuti ai clienti in base alla loro posizione geografica. Questo permette di ridurre il tempo di latenza perché il contenuto viene fornito dal server più vicino al cliente.

Tecniche di ottimizzazione software per ridurre i tempi di latenza

Inoltre, è importante utilizzare protocolli di rete efficienti, come TCP (Transmission Control Protocol) e UDP (User Datagram Protocol), in base alle esigenze dell'applicazione.  

TCP garantisce l'affidabilità della trasmissione dei dati ma a discapito della latenza, mentre UDP consente di ridurre la latenza ma a discapito dell'affidabilità. 

Tecnologie come caching e CDN per migliorare le prestazioni del sistema

Infine, l'utilizzo di servizi cloud può essere una soluzione vantaggiosa, poiché consente di scalare rapidamente l'infrastruttura in base alle esigenze dell'applicazione, garantendo prestazioni elevate e tempi di latenza ridotti.  

Vantaggi dell'utilizzo di servizi cloud per ridurre i tempi di latenza

In conclusione, i tempi di latenza sono un aspetto critico per molte applicazioni informatiche e un fattore fondamentale per garantire un'esperienza di internet veloce. Dipende molto anche dal tipo di tecnologie usate: internet satellitare ha sicuremente latenze molto più alte della fibra FTTH o dell'FWA.

Esistono diverse soluzioni per ridurli e migliorare le prestazioni del sistema, dall'ottimizzazione del software all'utilizzo di tecnologie come caching, CDN e servizi cloud.  

La scelta delle tecnologie e delle soluzioni più adatte dipende dalle esigenze specifiche dell'applicazione, ma investire nella riduzione dei tempi di latenza è un passo essenziale per garantire un'esperienza utente ottimale e un accesso rapido e fluido a internet. 

Se sei alla ricerca di una connessione Internet veloce e stabile, potresti voler verificare la copertura di EOLO nella tua zona. EOLO offre una connessione a banda ultra larga tramite fibra ottica e wireless, garantendo una velocità di connessione elevata e una copertura estesa, che ti consente di navigare su Internet senza interruzioni.  

Scopri le offerte Internet veloce di EOLO

Verifica subito la copertura di EOLO nella tua zona e scopri come EOLO può soddisfare le tue esigenze di connessione a Internet.  

FAQ

    Un valore compreso tra 0 e 30 ms è ottimale, tra i 30 ms e i 60 ms è buoni, oltre gli 80 ms è insufficiente.

    La latenza è il tempo che intercorre tra l'invio di un'informazione e la ricezione della risposta. Un tempo di latenza elevato può causare effetti negativi compromettendo l'esperienza di navigazione

    In informatica, la latenza è il tempo che intercorre tra l'invio di un'informazione e la ricezione della risposta. In altre parole, è il tempo che impiega un sistema informatico a elaborare una richiesta e a restituire un risultato.

Naviga senza interruzioni con EOLO Verifica copertura
faq faq
antenna EOLO
Scopri di più
faq faq
cavo ADSL!
Scopri di più
faq faq
indirizzo IP cavo Ethernet
Scopri di più
faq faq
router wifi eolo sul tavolo
Scopri di più
Serve aiuto? Serve aiuto?

Serve aiuto?

Serve aiuto?