News

Meet the team: conosciamo il “capitano” Francesco Gavazzi

06 Luglio 2021
Meet the team: conosciamo il “capitano” Francesco Gavazzi Meet the team: conosciamo il “capitano” Francesco Gavazzi

Francesco Gavazzi è nato l’1 agosto 1984 a Morbegno, comune di 12.332 abitanti in provincia di Sondrio al centro della bassa Valtellina a cui è fortemente affezionato.
La strada che porta allo Stelvio da Bormio, il Mortirolo, il piccolo comune di Talamona, Morbegno, il comune di Varenna in provincia di Lecco sono i luoghi a cui Francesco è più affezionato che formano un percorso di circa 232km lungo la stessa direttiva.

Quest’anno ha deciso di raccogliere la sfida di Ivan Basso e Alberto Contador ed entrare a far parte dell’EOLO-KOMETA Cycling Team, diventandone di fatto il “capitano”, fosse anche solo per l’esperienza maturata in 14 anni di stagioni di ciclismo.

Infatti, dopo un percorso iniziato a 12 anni, Francesco si è ritrovato giovanissimo a partecipare alle gare Juniores, poi Under-23 e infine passare all’età di 22 anni tra i professionisti.
Durante la sua carriera ha partecipato a due Mondiali nel 2010 e nel 2011 e ha conquistato la vittoria alla 18esima tappa della Vuelta a Espana nel 2011.

All’ultimo Giro d’Italia Francesco non si è limitato a fare da accompagnatore ai giovani compagni di squadra (5 di loro erano alla prima partecipazione alla Corsa Rosa), ma ha cercato di coronare il suo 6° Giro d’Italia con una vittoria, sfiorata sia nella tappa di Guardia Sanframondi (2°) che in quella di Montalcino (8°). Al termine del Giro, a conferma dell’impegno e del fatto di avere ancora gamba, Francesco ha ottenuto il suo miglior piazzamento con il 29° posto.  

Anche per questo Francesco ha già dichiarato la volontà di rimanere un altro anno a correre con la EOLO-KOMETA perché “il ciclismo è uno sport duro, vince solo uno. Questo ti insegna a non mollare, a rialzarsi sempre dopo le delusioni o gli infortuni; ti insegna la costanza, l'importanza di un equilibrio psico-fisico, il sacrificio, il porsi dei limiti e superarli e soprattutto accettare le sconfitte.”

Potete seguirlo sui social e su Strava per scoprire i suoi percorsi vicino casa o durante le gare:
https://www.instagram.com/francesco.gavazzi/
https://www.strava.com/athletes/21712783