News

“Paesini”, la valorizzazione del territorio attraverso vino e networking

02 Novembre 2022
“Paesini”, la valorizzazione del territorio attraverso vino e networking

Immergendosi nel bellissimo territorio della Val Trebbia, per poi passare davanti alla Pietra Perduca, famosa per la sua conformazione e l’Oratorio di Sant’Anna situato sulla sua cima, ed infine seguendo le stradine curve appoggiate sulle colline che portano a valle, si arriva al vigneto di Shun Minowa.

Shun si è raccontato al team di What Italy Is in maniera estremamente cortese e con pensieri puntuali sulla sua visione del mondo. Il suo nome significa “cavallo che corre molto” e rappresenta perfettamente la sua personalità.

Infatti, il suo percorso è stato molto particolare: dopo aver studiato all’Università di Tokyo si è spostato in Spagna a fare esperienza, dove ha maturato la sua voglia di avviare un progetto di produzione di vino in Sud America, precisamente in Cile. Ma proprio quando stava per avviare quest’attività, la sua forte propensione al networking gli ha permesso di conoscere Elena Pantaleoni, imprenditrice dell’azienda “La Stoppa”, vicino a Piacenza.

Da quel momento sono sorti dei dubbi sul suo futuro, dubbi con cui non poteva convivere e che lo hanno portato ad andare a lavorare proprio a “La Stoppa”. Una volta maturata la sua, giovane, esperienza sul territorio ha iniziato a produrre il suo vino naturale tra le colline della Val Trebbia.

Shun riconosce fortemente l’importanza del networking, oggi possibile anche grazie alla rete, a internet e alle sue reti sociali. Networking utile a far conoscere un metodo di lavorazione, un’esperienza del territorio, una visione sulla produzione del vino naturale.

“Se un ragazzo straniero, che arriva dal Giappone, si mette a fare vino buono, vuol dire che è possibile per molti”. L’obiettivo è chiaro: dare a questa zona, una delle tante a rischio spopolamento in Italia, le attenzioni che merita, valorizzandola attraverso prodotti di qualità, come in questo caso il vino.